LO CHEF ANTONINO CANNAVACCIUOLO

Antonino è passione, determinazione e costanza. Si propone con una cucina d’emozione, riproducendo nei suoi piatti i racconti della tradizione campana e delle sue esperienze di vita.

Nel suo percorso dal sud al nord, Tony (come lo chiamo io), affronta con me e giovani ragazzi, ormai diventati parte della nostra famiglia, questa nuova avventura, con la stessa determinazione e la voglia di riuscirci, con cui da giovane ha lasciato la sua amata Campania per raggiungere il Piemonte.
Giorno dopo giorno ha saputo farsi apprezzare, conquistando il palato di molti, tra cui in primis il mio, lavorando quotidianamente con grande volontà ed innato trasporto.

Per soddisfare le richieste di molti nostri ospiti, io e Tony, abbiamo pensato di aprire le porte di casa nostra e del mondo di uno Chef che fa dei propri racconti di vita, l’espressione della sua arte culinaria in grado di coinvolgere e conquistare.

Cinzia Primatesta

LO CHEF ANTONINO CANNAVACCIUOLO

Antonino è passione, determinazione e costanza. Si propone con una cucina d’emozione, riproducendo nei suoi piatti i racconti della tradizione campana e delle sue esperienze di vita.

Nel suo percorso dal sud al nord, Tony (come lo chiamo io), affronta con me e giovani ragazzi, ormai diventati parte della nostra famiglia, questa nuova avventura del Cannavacciuolo Café e Bistrot a Novara, con la stessa determinazione e la voglia di riuscirci, con cui da giovane ha lasciato la sua amata Campania per raggiungere il Piemonte.
Giorno dopo giorno ha saputo farsi apprezzare, conquistando il palato di molti, tra cui in primis il mio, lavorando quotidianamente con grande volontà ed innato trasporto.

Per soddisfare le richieste di molti nostri ospiti, io e Tony, abbiamo pensato di aprire, con il Cannavacciuolo Café e Bistrot, le porte di casa nostra e del mondo di uno Chef che fa dei propri racconti di vita, l’espressione della sua arte culinaria in grado di coinvolgere e conquistare.

Cinzia Primatesta

CHEF NICOLA SOMMA

Dopo tre anni passati al mio fianco nella cucina di Villa Crespi, ho voluto dare a Nicola l’occasione di mettersi in gioco, di crescere. Come me campano, originario di Gragnano, Nicola è molto determinato e il suo animo è trasparente e solare. Ho voluto valorizzare la sua grande passione creando un progetto in cui avesse la possibilità di esprimersi.

Antonino Cannavacciuolo